L’importante è che stia bene

Quando ho iniziato ad annunciare a parenti-amici-conoscenti la mia terza gravidanza la prima reazione di tutti è stata: “Speriamo questa volta sia femmina”.

Di fronte alla mia faccia forzatamente simil indifferente (e per forza, come fai a sperare una cosa su un figlio per poi rimanerci male, come fai anche solo a desiderare di imporre un tuo progetto su un destino già scritto nel suo concepimento, per poi rimanerci male) il dialogo si concludeva con: ” Beh, l’importante è che stia bene.” Eeeeh già (altra cosa affidata al suo destino).
In queste lunghe settimane già trascorse ho agito sulla mia psiche imponendo davanti ai miei occhi la lampante bellezza del figlio masculo, ed in effetti è meraviglioso l’attaccamento innamorato che i miei figli hanno con me, la loro mancanza di interesse verso l’estetica dell’abito (l’unica ricercatezza insindacabile sta nel mettere le magliette al contrario di modo che il numerone stampato sia sempre sulla schiena, come i calciatori), la loro capacità di individuare al parco il compagno di giochi delle ore successive, anche se sconosciuto: è quello con la palla.

Tutto molto bello, se non fosse che poi, le probabilità che a suo tempo arrivi una stronza, cioè volevo dire una nuora, a portarseli via sono altissime. Chi rimarrà sempre con me? Chi verrà a fare shopping con me? Chi mi dirà se le mie scarpe si abbinano allo smalto dei piedi?
La mia vita sarà destinata ad abbassare le tavolette del WC? Per sempre??
Sono considerazioni che si fanno, quando aspetti il terzo figlio dopo due maschi.
Poi cominci ad affidarti alle statistiche, ti guardi intorno e realizzi di avere un sacco, ma una caterba di amiche con 3, 4, 5 figli maschi. Tutti in serie. Pisello, pisello, pisello, piselli a non finire. Belli! Uno spettacolo per gli occhi!

Così, questa mattina durante la visita di controllo dal ginecologo, abbiamo finalmente potuto scoprire il verdetto finale.

E allora ve lo dico, sì, sembra che stia bene e, guarda un po’, è FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA

(fai ecografia per leggere)
 FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA FEMMINAAAAAAAAAAAAAAAAAA
IMG_0112.JPG

foto presa dal web, di più nin zò