Archivi categoria: tv

VARICELLA TALES

No, non cederò di nuovo alla tentazione di lamentarmi del cattivo tempo. Il meteo è una di quelle cose che ti fanno capire che non è proprio tutto governabile dall’uomo, insomma non ci puoi fare davvero un bel niente. Anche se io ammetto a volte ho creduto di avere dei poteri paranormali per condizionare l’atmosfera, come quando per il mio matrimonio ho desiderato così tanto il bel tempo (solo io eh) che alla fine c’era un sole così splendido splendente che si schiumava dal caldo, ma non solo, quando qualche mese prima la mia testimone mi aveva annunciato che si sarebbe sposata due settimane dopo di me, ovvero mentre io e mio marito eravamo in viaggio di nozze, le dissi risentita: tanto piove.
E così fu.
Se è per questo, sono sicura, a volte so far vincere o perdere l’atalanta, a seconda di come si comporta mio marito con me.
Ma forse porto solo sfiga.
Sta di fatto che il tempo fa schifo, ma la vera tragedia non è questa, è che Mrs Varicella è arrivata, sta stronza, con la sua valigiona di mega pustole pruriginose. Lo sapevo che prima o poi questo momento sarebbe arrivato, per carità, e mi va anche bene che fuori piova, così non ce ne stiamo chiusi in casa con il naso spiaccicato alla finestra a pensare comesarebbebelloesserelàfuoritrailverdedeipratieglialberiinfioooor.
Ora, la vera missione impossibile, oltre a quella di terminare ogni giornata di prigionìa senza ammazzare nessuno, è evitare che grande puffo contagi baby puffo (speranza davvero vana). Perciò il povero piccolo continua ad entrare e uscire di casa, va a fare la spesa, va dalla nonna, va dalla bis nonna, va in passeggino sotto il ceratone…che magari la varicella non se la becca, ma una bella broncopolmonite sì.
Nel frattempo io e Marti-mio-insostituibile-primogenito ci divertiamo… un mondo……………….

C’è un blog geniale, che tutti ormai conosceranno, che si chiama quandofuoripiove , da cui prendere spunto per fare un sacco di lavoretti stupendi in casa con i figli irrequieti. Ecco io me lo guardo sempre, lo adoro, ma non sono mai riuscita a riprodurre niente. Mi manca sempre un pezzo. Per esempio adesso c’è un post a tema pasquale che spiega come costruire un simpaticissimo coniglietto saltellante con due bicchieri di plastica. Ecco io sono tagliata fuori in partenza, ho solo bicchieri rossi avanzati da non so quale festa di capodanno del dopo guerra. Insomma sarebbe un filo inquietante un coniglio rosso. Non ce la posso fare.
Perciò dai Marti, facciamo noi, prendiamo un bel cartoncino, disegniamo un uovo di Pasqua, lo coloriamo e lo appendiamo. 
Si ma faccio io da sciolo mamma. Ok. Ma non ti va di usare un bel giallino, un azzurrino, un rosino… No faccio io.
Ecco finito! Lo appendi mami?

lavori in corso
Risultato: sotto sotto c’è un uovo di Pasqua felice 


Mmmh beeellllllo, facciamo così, adesso lo mettiamo fuori ad asciugare beeene eh (insieme agli altri capolavori della settimana scorsa che ormai dovresti aver dimenticato). 

E adesscio cosa facciamo mami?
Adesso ti faccio una bella spremuta.
Sci ma nella tazza di Cars e senza i semini.
Mh.

E adesscio cosa facciamo mami?
Mah non so, potremmo prendere a martellate il muro eh? 
E allora scegliamo belle foto, mettiamole nelle cornici e smartelliamo 14 chiodi nel muro – io quelli veri col martello vero e lui con i suoi di plastica – innervosiamoci ogni due secondi perchè i chiodi di plastica non ssci appiccicano. Santocielo!























lavori in corso

Risultato: che non ho capito perchè quando le vedi su Pinterest se ne stanno tutte belle allineate e qui no





























E adesscio cosa facciamo mami?

Ma guarda adesso prendiamo questo mega scatolone e impacchettiamolo tutto.
Sciii taglio io lo scoch!
il risultato con bagoloni di scoch lo lasciamo a fervide immaginazioni
E adesscio cosa facciamo mami?

E adesso tesoro-mio-dolce-amore-del-mio-cuor-gioia-infinita-ometto-perfetto  sei malato, vai sul divano e lobotomizzati una buona volta davanti alla TV. 
Te lo dice la mamma.
Annunci