Pensieri ossessivi dopo una settimana di iodio

foto2

Il mare. Come è bello.
Io vorrei vivere al mare, anzi, non riesco davvero a capire come sia possibile che io non sia nata in un paesello con le spiagge di sabbia fina fina, l’acqua cristallina e le distese di macchia mediterranea. Perchè? Perchè non ho il vicino di casa pescatore che mi ammazza il polpo sul muretto divisorio? Perchè non posso trascorrere la pausa pranzo sdraiata su di un molo, lanciandomi in bocca a mo’ di canestro una frittura di calamari e gamberoni, o va beh mi accontenterei anche di un panino mozzarella e pomodoro, che al mare è più buono? Perchè dopo l’asilo bisogna affollare il parco del quartiere facendo a cazzotti per 5 minuti di altalena che dai mamma spingimi più in alto, ancora più in alto che se non calibri bene la potenza rischi di avvolgerlo con dieci giri alla traversa di ferro, invece di andare in spiaggia a fare i castelli di sabbia, o semplicemente a giocare a mamma mi riempi il secchiello di acqua – mamma ho svuotato il secchiello di acqua – mamma mi riempi il secchiello di acqua – mamma ho svuotato il secchiello di acqua – mamma mi riempi il secchiello di acqua  mentre il nano piccolo si doccia con intere palettate di sabbia direttamente sulla testa tenendo rigorosamente occhi e bocca aperti? Perchè non posso vivere con le havaianas ai piedi sempre e per sempre? Avere un colorito salutare? I bronchi liberi? Le punte dei capelli schiarite dal sole e non dall’ammoniaca? Il tramonto sulla linea dell’orizzonte? Lo spacciatore di cocco bello di fiducia? La salsedine sul tergicristalli?
Perchè per portare i bimbi al mare mi devo stressare a preparare bagagli e abbandonare marito a casa tutto solo a lavorare -molto triste sì molto molto triste- quando potrei viverci, io, al mare?

foto1

Visto? Qui c’è spazio per tutti i castelli di sabbia senza litigare, poi va beh io il sole lo sposterei un attimo a sinistra di modo da farlo tramontare giusto sul mare, si può fare no?

foto3

Qui mi mangio il panino a pranzo, magari poi vado sugli scogli a pescare il pesce per la cena. Questa si chiama economia domestica.

Annunci

3 pensieri su “Pensieri ossessivi dopo una settimana di iodio

  1. Martha

    Oh quanta verità in queste righe, quanto amerei vivere al mare..ma persino d’inverno, clima mite e onde minacciose.
    Che voglia di mare!! 😀

    Mi piace

    Rispondi
  2. Manuela

    Quando parli dello “sbattere il polpo” e del mare a pochi passi da casa mi sono sentita chiamata in causa! Il mare che ho a due passi non è proprio cristallino.. ma è sempre mare. E mi basta 🙂
    Bellissime le tue foto. Complimenti 🙂

    Mi piace

    Rispondi

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...